Venerdì, 28 Novembre, 2014

Il monumento alle vittime della strada arriva all’indomani della tragedia di via Pantano costata la vita a Simone Fertuzzi

28 marzo, 2011 Articolo di La Voce  

l'inaugurazione del monumento a guidonia (Foto Pic)

GUIDONIA - Il monumento delle vittime della strada a Guidonia è arrivato, per una tragica coincidenza, proprio all’indomani di un’altra morte assurda, quella di Simone Fertuzzi, il 21enne la cui auto è stata travolta su via Pantano da una Lancia Delta che, secondo la prima ricostruzione dei carabinieri, era guidata da un uomo sotto l’effetto di droga. Una cerimonia, quindi, quella che si è svolta ieri su via Roma, carica di commozione. Il monumento è stato voluto dall’Aifvs (associazione familiari e vittime della strada) che a Guidonia ha una sua sezione. Ad aprirla due anni fa sono state Clelia e Mariacarla Tulli, cugine di Alessia, morta a 26 anni cinque anni fa perché la sua auto fu investita da una Punto guidata da un ventiquattreenne ubriaco. <Ricordiamo tutti i morti perché sia da monito a chi guida - hanno detto Clelia e Mariacarla - perché il dolore di perdite così gravi e insensate non debba coinvolgere altre famiglie>. La cerimonia si è svolta alla presenza del sindaco Rubeis e del presidente del consiglio comunale Sassano e si è svolta con la collaborazione del Motoclub Montecelio. (28 marzo 2011 - www.lavocedelnordestromano.it) Red

UTILITÀ (Condividi, Aggiungi ai Preferiti, Stampa o Crea un PDF)
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • del.icio.us
  • Technorati
  • Live
  • MSN Reporter
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
  • Print
  • PDF
  • email
  • Add to favorites
  • RSS

Comments are closed.